domenica 28 settembre 2014

Wendenstöcke - *Niagara* + *Dragon*

Ale impegnata sul terzo tiro di *Dragon*, al Pfaffenhut
Meteo perfetta per un bel fine settimana sulle pareti del Wendenstöcke, a mio giudizio uno dei posti più belli al Mondo per scalare sul calcare di media montagna. Peccato solo che si trovi a 4 ore di auto da Aosta: buon motivo per organizzarsi in compagnia e riempire la macchina. All'ultimo minuto sono riusciti ad aggregarsi Andrea e Michele... alla loro prima esperienza su queste pareti. Al parcheggio della Wendenalp la comunità arrampicatoria italiana era ben nutrita: abbiamo trovato Elio e Riccardo da Torino, oltre a un'agguerrita schiera di longobardi aficionados del Wendenstöcke (Arianna&Matteo, David, Fabio, Paolo e molti altri).
Il primo giorno ci siamo buttati su *Niagara* (250 m, 7b+ max, 6c+ obbl.), che si articola sul fianco destro del Pilastro Excalibur. Si tratta di una via aperta nel 1999 dalla premiata ditta elvetica B. Rathmayr - R. Ruhstaller, caratterizzata dalla solita chiodatura esigente tipica delle loro vie. A parte il tiro chiave, dove la roccia non è perfetta, il resto si svolge sul calcare migliore che si possa immaginare. Paralleli a noi, a sinistra, Andrea e Michele si sono gustati la classica *Blaue lagune*, percorsa l'anno scorso sempre insieme ad Ale. Da segnalare anche alla nostra destra la cordata dei Ragni di Lecco composta da Paolo S. e Fabio P., intenti a terminare un vecchio progetto.
Per il secondo giorno ci siamo tenuti un po' più "tranquilli" con le difficoltà e abbiamo dato un'occhiata ad una via poco conosciuta dei fratelli Remy, che si trova all'estremità destra dello Pfaffenhut: si tratta di *Dragon* (300 m, 6c max, 6b obbl.). Le difficoltà teoriche indicate sulla carta si sono rivelate piuttosto ingannevoli, nel senso che tutti i tiri sono comunque da scalare con determinazione e non regalano assolutamente nulla. Una menzione speciale merita il primo tiro della via, sicuramente il più impegnativo... dove il 7a non sfigurerebbe affatto, anzi! Arrampicata di stampo classico nella parte mediana, all'interno di un grande diedro ben proteggibile con i friends; parte finale verticale su prese generose fino alla sosta finale di *Stars away*, lungo la quale si scende in doppia (giusto per stuzzicare l'appetito per la prossima volta...).
Stranamente poche cordate sullo Pfaffenhut, tra cui Elio e Riccardo sulla *Voie du frère*, firmata M. Piola... mentre Andrea e Michele, all'estrema destra del Wendenstöcke, facevano la loro visita di rito alla super-classica *Caminando*.

Materiale: 2 corde da 60 m, 10 rinvii, set di friends C3 + C4 BD fino al #2 C4 per *Niagara* e fino al #3 per *Dragon*.
Esposizione: Sud, sole tutto il giorno ad una quota inferiore a 3000 metri.
Avvicinamento: in circa 1 ora di cammino dalla Wendenalp, su ripido sentiero.
Discesa: per *Niagara* doppie su *Excalibur*, per *Dragon* doppie su *Stars away*.

sabato 13 settembre 2014

Grandes Jorasses - Parete Nord *Bonatti-Vaucher*

Arnaud impegnato lungo la *Bonatti-Vaucher* sulla Parete Nord delle Grandes Jorasses

Il cinquantenario della prima salita della via *Bonatti-Vaucher*
sulla parete Nord delle Grandes Jorasses (Punta Whymper)
Nell'agosto del 1964, in quattro epici giorni di arrampicata (e un bel po' di tentativi non andati a buon fine), Walter Bonatti e Michel Vaucher aprirono la via diretta allo sperone Whymper, sulla parete Nord delle Grandes Jorasses. Un itinerario estremamente difficile, dichiarato appunto ED... ma rivalutato a ED+ dai primi ripetitori: Pierre Beghin e Xavier Fargeas in prima invernale nel 1976, quindi ben 12 anni dopo la prima! Un raro caso di ritocco verso l’alto della difficoltà iniziale, considerato che normalmente avviene il contrario. Ora la Bonatti-Vaucher è classificata con i criteri moderni, sintetizzabili in: 1100 m, VI WI5 M6+ R. Una raffica di numeri e lettere che vorrebbe descrivere le difficoltà medie incontrate quando ci sono le giuste condizioni; in realtà probabilmente – nello stato attuale di chiodatura, con solo una piccola manciata di chiodi in posto – la definizione “estremamente difficile superiore” (nel vero senso della parola) è più che rappresentativa. Fino all'estate 2014, ovvero in quasi mezzo secolo, la via è stata ripetuta solo da sette cordate (compresa la solitaria dello sloveno S. Sveticic). Solo quest'estate, grazie alle condizioni generali della parete particolarmente propizie, di cordate se ne sono contate circa una decina (quasi tutte di francesi), segno che la via si sta affermando come un bel riferimento per l'arrampicata mista moderna di un livello leggermente inferiore a top-routes come *No siesta*, e segno anche che il livello tecnico (e dei materiali) in media si è alzato notevolmente e rapidamente. Il fuoriclasse François Marsigny - che ne ha effettuato la prima ripetizione in giornata nel 2007 - l'aveva collocata (in tutti i sensi) a metà strada tra la *Colton-McIntyre* e *No siesta*, ipotizzando giustamente che sarebbe diventata in futuro una “classica” per alpinisti preparati.
Quest'anno ricorre il cinquantenario della prima salita della *Bonatti-Vaucher* e devo ringraziare Arnaud Clavel per avermi proposto di salire questo itinerario che, in tutta onestà, non rientrava tra i miei progetti. Grazie a lui (e alla via) ho potuto ri-scoprire una piccola parte di storia di alpinismo moderno. Storie e aneddoti letti in gioventù, ma che avevo quasi dimenticato dopo la classica ubriacatura post-adolescenziale da letteratura di montagna.
La via in questione, conosciuta dagli alpinisti... ma neanche troppo, effettivamente è carica di significato e rappresenta qualcosa più che un percorso su una delle mitiche pareti Nord delle Alpi. Senza troppi giri di parole, si può dire che è la via che ha definitivamente allontanato Walter Bonatti dal grande alpinismo. I quattro tragici giorni passati in parete insieme a Michel Vaucher, tra scariche di sassi, frane, corde tranciate e ridotte a spezzoni da 18 metri, sono stati giudicati troppo “al limite” da Bonatti che, in quell’occasione deve letteralmente aver visto la morte in faccia. In occasione della sua ultima salita in inverno al Cervino, si considerava infatti già un ex-alpinista, che aveva temporaneamente aperto una parentesi per chiudere in bellezza la sua straordinaria attività.
Le circostanze drammatiche in cui si è svolta la prima salita dello sperone Nord della Punta Wymper sono ben note alle numerose cordate che avevano percorso in quei giorni il classico sperone Walker. Bonatti nel suo racconto del libro "I giorni grandi" narra di una fila continua di scalatori di fianco a loro, segno evidente che le condizioni per salire *la Walker* erano ottime. La stessa cosa però non si poteva dire della via che erano intenti ad aprire Bonatti e Vaucher, che presenta mediamente roccia meno sana. Tra le cordate presenti sullo sperone Walker sono da menzionare Romano Perego e Luigi Bosisio seguiti a ruota da Giovanni Brignolo, Andrea Mellano e Tino Albani. In quell'occasione, Mellano e Perego avevano terminato (primi tra gli alpinisti italiani) il celebre trittico delle pareti Nord delle Alpi: Cervino, Eiger e Grandes Jorasses.
Curioso rimarcare anche la presenza, dietro agli italiani, di una cordata mista composta da Yvette Vaucher, moglie di Michel e giustamente preoccupata per le sorti del marito, tra le prime donne a percorre lo sperone Walker.
Indubbiamente il 1964, sotto il profilo alpinistico, è stato un anno da ricordare per la parete Nord delle Grandes Jorasses. Esattamente come lo sarà il 2014 per la frequentazione eccezionale, soprattutto lungo la via *Colton-McIntyre*: fino a 15 cordate al giorno.

Piccola nota storico-personale a margine della prima salita della *Bonatti-Vaucher*
Se è vero che questa via ha profondamente segnato Walter Bonatti fino a spingerlo all'abbandono dell'attività alpinistica, c'è però un altro episodio – sempre datato estate 1964 – che lo ha deluso e amareggiato. Nell'ambito dei festeggiamenti per il decennale della prima salita del K2 da parte degli italiani Achille Compagnoni e Lino Lacedelli, fu pubblicato un articolo in cui Bonatti veniva sostanzialmente accusato di essere un traditore all'interno della spedizione guidata da Ardito Desio. L'articolo, apparso sulla “Nuova Gazzetta del Popolo”, era stato scritto da mio nonno paterno, Nino Giglio, che ho conosciuto da bambino solo negli ultimi anni della sua vita... troppo presto per comprenderne di alpinismo e soprattutto di polemiche. Inevitabilmente quell'articolo innescò una serie di eventi che portarono mio nonno anche in tribunale con accusa di diffamazione. La vicenda si concluse tre anni dopo con la vittoria della causa da parte di Bonatti e la pubblicazione di un articolo di rettifica in cui Nino Giglio rivelava la fonte delle affermazioni che aveva fatte sue: Achille Compagnoni.
A distanza di 50 anni, queste vicende mi suonano lontanissime, come una eco di un mondo d'altri tempi, per quanto le polemiche relative all'alpinismo di punta non manchino neanche ai giorni nostri. Probabilmente allora avevano una risonanza più nazional-popolare, ma i tempi però sono cambiati.
Di sicuro, la salita insieme ad Arnaud della via di Walter Bonatti sulle Grandes Jorasses mi ha fatto rendere omaggio e suscitare grande ammirazione per uno dei migliori alpinisti al mondo (se non il migliore) di sempre. Senza nulla togliere a Michel Vaucher, uno dei pilastri dell'alpinismo elvetico.

La *Bonatti-Vaucher* oggi
Come aveva previsto François Marsigny, questa via si sta avviando a diventare una classica di alta difficoltà. Dopo essere rimasta nel dimenticatoio per quasi mezzo secolo – per ragioni varie – gli alpinisti contemporanei hanno compreso la chiave per affrontare la via in sicurezza. Occorre cercare condizioni di buon innevamento nella parte bassa, che consentano di raggiungere agevolmente e piuttosto velocemente il cosiddetto “ragno” (un nevaio a circa tre quarti di parete, battezzato così da Bonatti per la somiglianza in piccolo con quello della parete Nord dell'Eiger). Da qui, infatti, ha inizio la sezione più difficile che bisogna affrontare dopo quasi 1000 metri di parete già superati, quindi non proprio in freschezza. Quest'ultima parte si trova raramente ben fornita di ghiaccio così da consentire una classica progressione in piolet-traction. Normalmente occorre invece affrontare alcune lunghezze molto difficili che richiedono un'ottima tecnica di dry-tooling e sensibilità sulle lame delle piccozze e sulle punte dei ramponi; il tutto su un terreno scarsamente proteggibile e a volte con roccia non proprio di ottima qualità. La direttiva generale è data dal fondo della logica linea di debolezza, diagonale verso sinistra, che solca a destra lo sperone Whymper.
Quasi sicuramente il tracciato originale di Bonatti e Vaucher in quest'ultima difficile sezione si discosta da quello attualmente seguito. Gli attrezzi di 50 anni fa non avrebbero consentito di salire dove si scala adesso; qualche metro a sinistra infatti è presente roccia, difficile ma chiodabile. Con il materiale da ghiaccio ultra performante in nostro possesso oggi possiamo invece cercare più proficuamente le incrostazioni di ghiaccio (terreno definito molto bene dai francesi con il termine placage).
Piccola nota sull'attacco della via. I primi salitori sono passati direttamente sotto la verticale del nevaio inferiore, lungo placche di misto piuttosto ripide e su roccia non sana. Attualmente invece si preferisce l'attacco classico dello sperone Croz (poco più a destra), che si abbandona dopo qualche centinaio di metri per seguire a sinistra una goulotte che immette sui nevai inferiori della via.
Come accennato in precedenza, ho percorso la Bonatti-Vaucher il 13 settembre 2014 insieme all'amico-collega Arnaud Clavel, in una giornata meteorologicamente perfetta che ci ha consentito una bella progressione piuttosto rapida: avanzando a comando alternato, siamo riusciti ad impiegare 13 ore dall'attacco fino in vetta, evitando così di utilizzare il (poco) materiale da bivacco che avevamo nello zaino. Abbiamo condiviso la salita con altre 3 cordate di forti alpinisti e guide alpine francesi, in un bel clima rilassato e collaborativo: condizione necessaria per rendere la giornata proficua e sicura.

Materiale: 2 corde da 60 m, 10 rinvii, 1 set completo di friends C3+C4 BD fino al #3 C4, un piccolo assortimento di nuts, 5 chiodi assortiti (principalmente lame), fettucce e moschettoni sciolti, piccozze e ramponi tecnici. Eventuale materiale da bivacco se non si è sicuri di uscire in giornata.
Esposizione: Nord.
Avvicinamento: in circa 2.30 ore dal rifugio Leschaux fino alla crepaccia terminale. L'attacco attualmente utilizzato è quello classico dello sperone Croz.
Discesa: inizialmente lungo lo sperone Whymper (corda corta e due brevi calate per raggiungere la via normale italiana) poi lungo il classico percorso che passa dal rifugio Boccalatte.

sabato 6 settembre 2014

Paroi de Gramusset - *Sens unik* + *Le partage du monde*

Bella giornata trascorsa su e giù per la Paroi de Gramusset, insieme ad Ale, Andrea e Remy. Qui il calcare è di qualità rimarchevole... ma le vie purtroppo sono un po' corte; arrivano al massimo a 5/6 tiri. Per gli insaziabili è comunque possibile percorrerne tranquillamente due in giornata, come abbiamo fatto oggi. Mentre Andrea e Remy salivano *Quelque chose de Buenos Aires* (180 m, 7b+ max, 6c obbl.), Ale ed io li affiancavamo sulla omologa *Sens unik* (180 m, 7b+ max, 6c obbl.). Successivamente ci siamo incolonnati a debita distanza su un itinerario più facile ma non meno bello dei precedenti, che si trova a destra: *Le partage du monde* (180 m, 6c+ max, 6b obbl.).
Frequentazione della parete quasi nulla (solo altre due cordate), pur essendo una bella giornata festiva; in compenso, grande affluenza di escursionisti che hanno riempito la terrazza del Refuge de Gramusset. Dicono che le torte siano molto buone... :-)

Materiale: 2 corde da 50 m, 12 rinvii, casco.
Esposizione: Sud Ovest, al sole dopo le ore 11.30.
Avvicinamento: a piedi in poco meno di 1.15 ore dal Col des Annes.
Discesa: in doppia su tutte le vie. La discesa più rapida della parete è senza dubbio lungo *Sens unik*: con tre doppie lunghe si arriva a terra.

Andrea sul primo tiro di *Quelque chose de Buenos Aires*... sulla carta "solo" 7a: provare per credere!

Secondo tiro di *Sens unik* per Ale

Remy sul bellissimo secondo tiro di *Quelque chose...*

Ale mi raggiunge alla terza sosta di *Sens unik*

Terzo tiro di *Le partage du monde* per Remy... roccia stratosferica!

*Le partage du monde*, quarto tiro

Vista d'insieme della Paroi de Gramusset al ritorno

muuuu... :-)

mercoledì 3 settembre 2014

Paroi d'Anterne - *Salamalek*

Vista dall'alto sul tiro chiave della via (8a): roccia super... purtroppo solo qui e su poche altre lunghezze.

Seconda visita in due anni alla selvaggia Paroi d'Anterne. Incoraggiati da Andrea e Arnaud, lanciati sulla superba *Djin Fiz*, ci siamo uniti all'ultimo minuto per condividere con loro una lunga giornata di arrampicata in un luogo tanto in vista e vicino al Monte Bianco quanto poco frequentato dagli alpin-climbers. Condividere si fa per dire, in quanto la via che avevamo adocchiato corre qualche centinaio di metri a destra dei nostri amici. Si tratta di *Salamalek* (500 m, 8a max, 6c obbl.), sulla carta "meno impegnativa" degli altri itinerari della parete ma che si è rivelata poi piuttosto ingaggiosa soprattutto per la qualità della roccia non proprio perfetta... Il tutto condito dalla solita chiodatura by Philippe Mussatto, che non è propriamente rappresentativo dello stile plaisir :-)
Quello che attira di più è senza dubbio la linea: dritta lungo l'evidente Pilier des Sales... purtroppo però il calcare che lo compone non è all'altezza delle via di sinistra. Mussatto del resto, sul suo sito, mette in guardia: dice che è una via più "alpinistica" e "da non mettere nelle mani di tutti"... resta comunque un bel viaggio su una delle pareti più impressionanti di media montagna delle Alpi.
Piccola nota per i futuri ripetitori: il disegno pubblicato sul libro di Mussatto stesso ("Itinéraires d'un grimpeur gâté") omette una delle lunghezze più impegnative, l'undicesima (50 m, 7b)... non è un dettaglio da poco! La relazione precisa e completa si trova sul blog dell'apritore a questo link.
Ultima considerazione infine sul grado obbligatorio: il 6b+ dichiarato pare un poco stretto... forse indicato per cercare di avvicinare un maggior numero di arrampicatori alla Paroi d'Anterne. Cercando di essere più oggettivi, un "solido" 6c obbligatorio è più che necessario per riuscire a portare a termine la via... oltre ad una buona esperienza di arrampicata su calcare "delicato", tipico delle grandi pareti dolomitiche.
Tempismo perfetto con Andrea e Arnaud a fine giornata: ci siamo ritrovati sul versante opposto della parete per percorrere insieme il lungo sentiero di discesa che riconduce all'auto.

Materiale: 1 corda da 60 m, 1 cordino di servizio, zaino da recupero, carrucola, 14 rinvii, 1 set di friends dal #.3 al #2 C4 BD.
Esposizione: Est, sole fino a metà giornata.
Avvicinamento: in circa 40 minuti dal Refuge d'Anterne.
Discesa: a piedi in circa 2 ore, facendo un largo giro che passa dagli Chalets de Sales.Tutto su un comodo sentiero.

giovedì 28 agosto 2014

Roccia Nera - *Ice Fresser*

Il mitico ghiacciatore canadese Guy Lacelle diceva che il ghiaccio va salito nel momento in cui lo vedi... il giorno successivo potrebbe non esserci più! Quando sul noto portale di montagna gulliver.it è comparsa la relazione di *Ice Fresser* (350 m, III/5 M) sulla parete Sud della Roccia Nera, ho proprio pensato a Guy. Nei giorni 24 e 25 agosto questa linea è stata salita da due cordate di appassionati dell'effimero del Nord Ovest, relazionandola 2 giorni dopo... Nel periodo estivo solitamente non penso al ghiaccio ma l'andamento di questa estate bizzarra effettivamente poteva far immaginare una buona formazione della goulotte in questione. Si trova in pieno Sud a circa 4000 metri di quota e normalmente si forma per fusione della neve dei pendii sommitali: water-ice no alpine-ice... è a tutti gli effetti una cascata di ghiaccio, in quota. Le condizioni ideali si verificano dopo un lungo periodo di caldo seguito da un altro più freddo... con il rischio però di una rapida degradazione a causa dell'irraggiamento solare. In questi giorni è perfetta! Chissà quanto durerà?
Per risparmiare un giorno ed evitare la prevedibile coda da "effetto-gulliver" siamo partiti alle 19 di sera da Cime Bianche per andare a pernottare al Bivacco Rossi-Volante, situato proprio a ridosso della via: fortunatamente abbiamo trovato solo due tedeschi, diretti verso la traversata dei Breithorn. Certamente la risalita estiva della pista del Ventina era un'esperienza che mi mancava... e da non ripetere con lo zaino carico di attrezzatura per l'arrampicata su ghiaccio (più una serie di friends)!
*Ice Fresser* è stata salita per la prima volta nell'agosto del 1987 da G. Fayolle e G.C. Grassi e da allora ripetuta poche volte... se ci fosse una webcam puntata sopra, ci sarebbe la coda!
Le condizioni attuali ci hanno consentito una progressione relativamente veloce, ovvero 4 ore dall'attacco fino alla vetta della Roccia Nera che abbiamo raggiunto prima delle 10.30.
Le prime due soste sono attrezzate a chiodi, poi non si trova più nulla fino all'ultimo tiro dove c'è un chiodo a metà diedro. Complessivamente abbiamo effettuato 4 tiri lunghi fino al termine dell'ultima colonna visibile anche dal basso, poi con altre due lunghezze siamo usciti sul pendio finale.
Le foto purtroppo non sono di qualità, in quanto scattate con i telefoni cellulari... comunque meglio di niente :-)

Materiale: 2 corde da 60 m, 5 viti da ghiaccio, 1 set completo di friends C3+C4 BD fino al #3 C4.
Esposizione: Sud ad una quota di 3800 metri.
Avvicinamento: praticamente in piano dal bivacco Rossi-Volante, 10 minuti.
Discesa: facilmente (e velocemente) a piedi lungo la via normale della Roccia Nera.

Vista da sotto della linea con l'indicazione delle prime quattro lunghezze effettuate (foto A. Giolitti)

Partenza alle ore 19 da Cime Bianche per raggiungere il bivacco Rossi-Volante: lungo!

L'interno del bivacco Rossi-Volante... come al solito, molto accogliente :-)

Terzo tiro: quasi 60 metri per superare tutto il salto centrale...

Quarto tiro: la colonna finale, verticale ma non lunghissima

Ale impegnata nella parte alta della via

Ultima difficoltà: un bel diedro ghiacciato, piuttosto interessante

Ale all'uscita dell'ultimo tiro